Lupin III: Il castello di Cagliostro – Il ladro ruba cuori

In questa leggendaria pellicola del 1979, nonché il primo film diretto dal “Dio degli anime” Hayao Miyazaki, il nostro eroe Lupin III si trova in una situazione molto insolita. Mentre cerca il tesoro di Cagliostro, scopre che in realtà la cosa che desidera veramente è salvare la bella principessa Clarisse impedendo il matrimonio con il malvagio Conte di Cagliostro. Quest’ultimo è alla ricerca del tesoro segreto della sua famiglia e per trovarlo ha bisogno dell’anello di Clarisse. I suoi piani vengono però ostacolati da Lupin. I compagni del ladro, l’infallibile pistolero Jigen e l’inflessibile samurai Goemon, benché sorpresi, supportano l’amico in questa vicenda. Invece la bella Fujiko Mine continua a mirare con tenacia al tesoro. Naturalmente non passa molto tempo prima che arrivi pure l’ispettore Zenigata, sempre all’inseguimento del più astuto ladro del mondo.

Come già detto l’incontro tra Lupin e Miyazaki non fu una novità. Il regista aveva già partecipato, in collaborazione con Isao Takahata e Masaaki Ōsumi, alla creazione della prima serie televisiva iniziata nel 1971, Le avventure di Lupin III (Rupan Sansei), e avrebbe poi lasciato brevemente il segno sulla quarta stagione con due sensazionali episodi diretti nel 1980 (Ep.145 Wings of Death – Albatross e Ep.155 Farewell My Beloved Lupin). La serie televisiva è tratta dall’omonimo manga del 1967 di Monkey Punch (www.monkeypunch.com). Il personaggio è liberamente ispirato ad Arsène Lupin ideato da Maurice Leblanc.

Nel cinema di Hayao Miyazaki, Lupin III: Il Castello di Cagliostro è il film più celato, quello che finisce associato per intero alla serialità da piccolo schermo. Questo film rappresenta qualcosa di più che un solitario capolavoro nella sterminata filmografia dedicata al ladro.

A bordo della Fiat 500 e con la classica giacca verde, sullo schermo passa un’affascinante fiaba moderna con protagonista un principe azzurro, una bella principessa da salvare e un malvagio che vive rintanato in un’inespugnabile fortezza. Il castello ricorda quello di Le Roi et l’Oisea del 1953 (purtroppo ancora inedito in Italia) del francese Paul Grimault, artista enormemente amato da Miyazaki. Per non tradire la sua formazione alla Toei Animation ricicla alcune idee del lungometraggio Nagagutsu o haita neko (Il Gatto con gli stivali, 1969). Il resto è tutta farina del suo sacco, compresa la miscela perfetta di azione e poesia. Il film si discosta nettamente dai toni adulti del fumetto di Monkey Punch e della serie TV.

Lo spettatore rimane coinvolto fin dai suoi primi fotogrammi. Le animazioni sono a dir poco eccelse. Un misto di azione, divertimento e romanticismo pervade la pellicola. L’animazione è accompagnata da una mitica colonna sonora Jazz di Yuji Ohno. La pellicola è allegra, frizzante e malinconica, caratteristiche costanti dei futuri film firmati Ghibli, studio che sarà fondato nel 1985 grazie a Hayao Miyazaki, Isao Takahata, Toshio Suzuki e Yasuyoshi Tokuma (http://www.ghibli.jp/).
Questa volta Lupin ci ha rubato qualcosa di importante, ci ha portato via il cuore.

SCHEDA TECNICA

Titolo originale: Rupan Sansei: Kariosutoro no Shiro Anno: 1979
Durata: 100 minuti
Paese: Giappone
Basato su: Rupan Sansei di Monkey Punch
Produzione: Tetsuo Katayama
Casa di produzione: Tokyo Movie Shinsha
Distribuzione: Toho
Regia: Hayao Miyazaki
Sceneggiatura: Hayao Miyazaki, Haruya Yamazaki
Musica: Yuji Ohno
Cast: Yasuo Yamada, Eiko Masuyama, Kiyoshi Kobayashi, Makio Inoue, Goro Naya, Sumi Shimamoto, Tarō Ishida

Locandina di Lupin III: Il castello di Cagliostro (1979)

ARTICOLI SIMILI
https://fantasmagoria.it/la-collina-dei-papaveri-per-un-futuro-roseo/
https://fantasmagoria.it/si-alza-il-vento-bisogna-tentare-di-vivere/

21 pensieri su “Lupin III: Il castello di Cagliostro – Il ladro ruba cuori”

  1. A person necessarily assist to make significantly posts I might
    state. This is the first time I frequented your website page and to this point?
    I amazed with the research you made to make this actual put up incredible.
    Magnificent job!

  2. Undeniably believe that which you said. Your favorite reason seemed to be on the net the
    easiest thing to be aware of. I say to you, I
    definitely get annoyed while people consider worries that they
    plainly don’t know about. You managed to hit the nail upon the top and defined out the whole thing
    without having side effect , people could take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

  3. We’re a bunch of volunteers and starting a brand new scheme in our community.
    Your web site offered us with helpful info to work on. You’ve done
    an impressive process and our whole neighborhood might be thankful to you.

  4. Howdy just wanted to give you a quick heads up. The text in your article seem to be running off the screen in Chrome.
    I’m not sure if this is a formatting issue or something to do with internet browser compatibility
    but I figured I’d post to let you know. The style and design look great
    though! Hope you get the issue solved soon. Many thanks

  5. Simply wish to ssay your article is as astounding. The clarity to your submit is simply great and
    that i can assume you are an expert onn this subject. Well together with your permission let me to take hold of your RSS feed to kewep
    updated with imminent post. Thanks one million andd please
    continue the enjoyable work.

  6. Valuable information. Lucky me I discovered your site accidentally,
    and I’m surprised why this accident did not took
    place in advance! I bookmarked it.

  7. Hi, Neat post. There’s a problem together with your site in internet explorer, may check this?
    IE nonetheless is the marketplace leader and a huge portion of other people will miss your excellent writing
    due to this problem.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.